Autore
Argomento : 21a Maratonina Secondo Casadei 5.05.13

Tempus fugit

Postato il
06/05/2013
ora 01:38:14

replica

Che afa ragazzi!!E quanto si è fatta sentire la cappa negli ultimi chilometri...Cominciamo dall'inizio. La zona artigianale di Fornace Zarattini è oltremodo affollata di auto e di partecipanti di ogni età già fin dalle otto. La presenza di uno sponsor tanto autorevole come l'Adidas garantisce un tocco d'internazionalità alla corsa...i gonfiabili neri con il logo delle tre strisce mi fanno quasi sentire che so io a Londra o a New York. E d'altronde anche "Romagna mia" di Secondo Casadei sarà conosciuta oltreoceano! Purtroppo la giornata è grigio-autunnale: grigia di afa, nuvole o nebbia-foschia, un vero obbrobrio (ma il bello verrà alla fine...). L'organizzazione fa sul serio e predispone l'uso del microchip da assicurare ai lacci delle scarpe, particolare che rimarco perchè è solo la seconda volta che mi capita di usarlo, e nella confezione del chip si trovano addirittura anche le istruzioni che spiegano (a gente di poca esperienza tipo me) come fissarselo correttamente alle scarpe. Si fa ora di riscaldarsi quando vedo sfilare davanti a me un corridore dal volto che mi è noto...è Abderrahim Karim! Che tra l'altro è anche il detentore del record di questa maratonina. Scambiamo due chiacchiere veloci e intanto do un'occhiata al suo modo di fare la sgambata, vuoi mai che riesca ad assorbire anche solo un millesimo della sua potenza... Mi pare di ricordare un suo scatto fulmineo alla partenza della scorsa maratonina di Cotignola, quando lasciò dietro tutti tutti quanti....Certo che quando gareggiano gente come lui e/o Rachid  Benhamdane la corsa si divide in due tronconi ben distinti, dove i marocchini fanno gara a sè. A meno che non capiti come alle "2 ville" della settimana scorsa, dove un abilissimo Borghesi è riuscito a superare proprio quei due, sfruttando anche le loro defaillance. Nella mezzoretta che precede la partenza rivedo un pò tutti i grandi protagonisti della Romagna che corre: l'infaticabile Gorini (la volta che non lo vedrò al via di una qualsiasi corsa sarà come non trovare una bottiglia di Sangiovese in un'osteria),Zanini, la coppia più veloce ed inseparabile della Romagna G.Borghini&Savini, la Nanu, Chubak, la Laghi, le sorelle Facciani (eh le donne mi sono rimaste più impresse). E scusate le tante omissioni. Alcuni amici della Lamone mi danno delle dritte sul percorso e soprattutto mi avvertono che prima di partire si deve passare su pedana per avvio e registrazione del microchip. Il mio obiettivo oggi è quello di compiere un lungo impegnativo e recuperare la forma perduta. Nonostante la giornata grigia apprezzo molto il percorso che si snoda nelle campagne tra Piangipane e Santerno, anche perchè per queste zone passo molto di rado. Fino all'11°/12° km mi sento andare bene, secondo i miei standard. Poi comincio ad accusare caldo e fatica. Bisogna dire che i punti di ristoro lungo il percorso sono stati ben dislocati: ce ne sono ben 4 ai quali si aggiungono 2 spugnaggi, ottimo! Verso la fine l'afa si fa insopportabile...grondo litri di sudore, il sangue mi pulsa alle tempie e rallento considerevolmente, è per me un successo portare a termine questa gara...All'arrivo oltre a mia moglie e a mia figlia che mi acclamano trovo uno degli organizzatori che mi richiede i dati anagrafici (avevo dimenticato un'operazione di registrazione prima della partenza? mah!), ed una signora che vorrebbe il mio bollino della Scarpaza (che io giammai le darò). Al ristoro finale bevo quanto mai ho bevuto in vita dopo una fatica estiva: acqua tè bevanda con integratori un bicchiere dopo l'altro. E poi spicchi di arancio e limone, biscotti, pandoro (alle corse è sempre Natale...), cioccolato di uova(...e sempre Pasqua). Ritrovo Karim, "mescolato" ai semplici mortali del ristoro, che mi dice che ha vinto il compare marocchino Rachid mentre lui, arrivato solo secondo, ha dovuto patire un infortunio alla caviglia fin dal km 10...accidenti dico io, meno male che con l'infortunio arrivi secondo...! E con mia moglie si mette pure a parlare del Marocco. Passa anche l'ucraina Chubak, le faccio un complimenti in russo ma lei non raccoglie molto, forse non è molto soddisfatta della propria gara. E' minuta, molto simpatica, viene da una città di confine con la Polonia, vicino a Leopoli. Dopo avere salutato molti altri concorrenti e conoscenti, passo accanto al palco dove si stanno svolgendo le premiazioni e resto impressionato dal fisico del vincitore Benhamdane! Di un esilità incredibile, con due gambine che sembrano ...due canne, quasi che il primo alito di vento se lo possa portare via...al suo confronto Karim è un energumeno palestrato. Certo che anche Zanini non scherza, anche lui non sfigura in quanto a magrezza...E probabilmente questo fisico è una delle chiavi dei tanti successi. Complimenti a tutti, oggi arrivare al traguardo non era semplice. Anche oggi un flusso di persone tutte diverse, ognuna con la propria storia, con il proprio modo di essere e correre. E dopo tanta pianura arrivederci a sabato alle colline di Castel Raniero.

podista puritano

Postato il
06/05/2013
ora 16:55:20

replica


Ottima descrizione dell'evento...... Manca,stranamente, l'aggiornamento culinario pre gara.Devi sapere che noi podisti,puritani,privandoci di ogni piacere della vita per ottenere il personale... siamo curiosi dei peccati altrui.
Saluti

Nicola

Postato il
06/05/2013
ora 18:38:21

replica

Bravo Tempus !

Come sempre ottimo racconto e resoconto !

A presto !

Tempus fugit

Postato il
06/05/2013
ora 22:47:14

replica

Podista puritano io l'aggiornamento enogastronomico te lo do, ma "do ut des", tu mi devi dare qualche pillola di saggezza puritana, tipo qualche consiglio su come ottenere qualche risultato, come combattere meglio l'afa la prossima volta, o una dritta su una bella corsa a cui partecipare prossimamente... Nicola a quando la tua prossima gara?

Carlo

Postato il
06/05/2013
ora 23:13:17

replica

Tempus sei proprio un grande scrittore!
Su Rachid Benhamdane condivido le tue impressioni circa la sua magrezza.
In realtà ben raramente sono i palestrati e quelli alti nonché quelli atletici ad arrivare nelle primissime posizioni. Questo vale anche per le donne. Basta pensare alle gemelle Facciani, alla Spagnoli, alla Nanu ....
Quella gran sete all'arrivo non sará magari dovuta, a parte il gran caldo, al fatto che hai saltato qualche ristoro di troppo o che il tuo abbigliamento era troppo pesante?

Podista puritano

Postato il
07/05/2013
ora 10:17:27

replica


Allenamento .... allenamento ed ancora allenamento.

Gara per eccellenza,squilli di tromba:

Passatore ovvero 100 km, Firenze-Faenza,

non una corsa,ma la Gara....il resto e' contorno,dalla

Maratona di Fillippide....alla maratona di Boston o Londra.

Tempus fugit

Postato il
07/05/2013
ora 13:49:54

replica

...mi inchino all'ultra-maratoneta, per giunta "passatorista"...complimenti per le gesta! Spero che ci racconterai qualcosa della corsa di questo maggio, come va la preparazione?? Comunque io la sera prima della mia modesta mezza-maratona mi ero approvvigionato di tagliatelle al ragù bianco di vitello, bevendoci dietro Sangiovese Prugneto di Nespoli (lo so, l'alimentazione va curata meglio)

Nicola

Postato il
07/05/2013
ora 13:50:16

replica

Tempus.

Sabato pomeriggio credo proprio che verrò a Castel Raniero a fare un pò di collina !

Tempus fugit

Postato il
08/05/2013
ora 13:44:34

replica

Chiamiamo a raccolta tutti i "magnazamblon" di cui si parlava qualche mese fa (ne scriveva mi pare Federri?)...a Castel Raniero sono annunciati posti di ristoro con ciambella e vino!Per chi poi non lo sapesse la zona è un "Sangiovese-shire" ad ca' nostra, con almeno tre aziende vinicole dislocate... tra cui la grande Berta...

Johnni

Postato il
08/05/2013
ora 18:09:53

replica

Ciao, visto che son fermo... quasi quasi mi imbuco... c'è l'albana?ah...sicuramente vino e ciambella mi faranno recuperare prima...

podista puritano

Postato il
09/05/2013
ora 06:51:14

replica


Caro Tempus fugit,

Sabato pom sarai ospite nella mia terra natale,

e negli ultimi anni venti anni nei miei percorsi di allenamento.

Spero vivamente che apprezzerai il panorama che si gode dalla

ex colonia di Castel Raniero. 0546 Podista Puritano

Carlo

Postato il
09/05/2013
ora 09:54:01

replica

replica podista puritano del : 09/05/2013 -
messaggio :
Caro Tempus fugit,

Sabato pom sara


Oltre al bellissimo Panorama, quella di Castel Raniero è una manifestazione altamente folkloristica e imperdibile per i musicisti che suonano a gruppi lungo i percorsi, i favolosi ristori e la bellissima festa.
Purtroppo, negli ultimi anni la data e l'ora in cui si svolge è la stessa della podistica Trofeo ANFFAS di Cesena. Quest'ultima è stata inserita, per le sue caratteristiche di solidarietà, in tutti i calendari romagnoli principali (Scarpaza, Corri per la Salute, Comitato Ravennate, Mare Verde Monte, Podistico Romagno, ecc.) riducendo drasticamente le presenze che vantava Castel Raniero.
Ciononostante, gli organizzatori della "Classicissima" hanno mantenuto una forte partecipazione! Per chi non c'è mai stato è assolutament imperdibile.
Dieci anni fa scattai personalmente alcune foto:
fotopodismo.it/Foto/F03/CastelRaniero_20030511/FullFrame.htm

Tempus fugit

Postato il
09/05/2013
ora 13:50:30

replica

Sì sì lo so, è una zona stupenda! Voglio esserci proprio perchè la conosco, tre mesi fa mi ci ha portato un amico ad allenarci, tra l'altro l'atmosfera era quasi incantata. C'era la nebbia (anche se le colline intorno a Faenza le conosco anche col sole) e ad un certo punto come d'incanto ci ha attraversato la strada un capriolo, cosa tra l'altro dicono abbastanza usuale nella zona! Onorato d'essere ospite a casa del Puritano e gasato per la partecipazione alla Classicissima. Viva le colline della Romagna, chi ci corre ed il Sanzvès.
Letto n. 18246
volte
replica
Replica

nuovo post
Nuovo