Autore
Argomento : Donne discriminate

Maria Rosa

Postato il
12/01/2013
ora 19:38:37

replica

Perchè le donne vengono sempre discriminate? Perchè il primo classificato deve vincere un premio più alto rispetto alla prima classificata?
Grazie per la risposta e per averci riflettuto sopra.

Dexter

Postato il
13/01/2013
ora 12:24:24

replica

Mah non so......
Probabilmente per un discorso di partecipazioni, visto che le donne sono una piccola minoranza rispetto agli uomini....
E' un ipotesi.

Carlo

Postato il
13/01/2013
ora 23:21:23

replica

Condivido quanto scrive Dexter.
Se consideriamo il numero di iscritti dei maschi e quello delle femmine e il rispettivo ricavo dato dalla quota di iscrizione, è evidente che questo dovrebbe essere equamente distribuito.
In realtà alle donne viene assegnato anche parte di quanto incassato dagli uomini, proprio perchè la loro partecipazione è molto inferiore. Di conseguenza il valore del loro premio si riduce come pure il numero delle donne premiate.
Credo che il motivo sia questo, non ne vedo altri.
Comunque ... viva le donne! La loro presenza sta aumentando rispetto al passato e il tifo che viene loro riservato pure. Ovviamente strameritato!

Podista Puritano

Postato il
14/01/2013
ora 15:09:02

replica


 Chiaramente una donna che abbia un minimo di allenamento e di 
 costanza rischia ogni volta di finire sul podio.....e soprattutto di 
 giovani manco l'ombra! Basterebbe un mazzo di rose....

Dexter

Postato il
17/01/2013
ora 15:57:20

replica

Purtroppo...............
Ma hai quasi ragione..........
Sembra che il podismo con la sua abitudine mentale alla fatica fine a se stessa, sia uno sport mal digerito dalla maggior parte del gentil sesso.......
.......e nelle palestre infuria la Zumba!!!!!!!
Noi non lo capiamo, ma per la maggior parte della gente, la fatica se la devono far piacere!!!
Io ho due compagnie e un mare di amici e conoscenti, ma sono l'unico podista!!!
Correre è dura!

Dexter

Postato il
17/01/2013
ora 15:59:27

replica

Per compagnìe intendo due giri di amici, non avevo messo l'accento sulla i!

Dexter

Postato il
17/01/2013
ora 15:59:28

replica

Per compagnìe intendo due giri di amici, non avevo messo l'accento sulla i!

Podista Puritano

Postato il
17/01/2013
ora 16:30:51

replica


 Siate sinceri... se non foste podisti,o corridori,mandereste le vs donne o compagne,mezze nude a gareggiare,o correre,in mezzo ad un branco di uomini. Io no,in tutta sincerita'.

ThoMas sacrato

Postato il
19/01/2013
ora 10:10:14

replica

Secondo me, in assenza di vincoli e pregiudizi, dovremmo avere, nella corsa, una quantita' di donne percentualmente simile a quella degli uomini.
Purtroppo (e l'ultimo intervento del "puritano" lo conferma) esistono pregiudizi dei quali non riusciamo a liberarci, e che condizionano il nostro modus vivendi.
La fatica e' sicuramente disincentivante, ma questo e' vero per entrambi i sessi, e per superare le barriere mentali occorrono forti motivazioni che, in generale, altri vincoli mentali (contrastanti) possono non favorire.

Per cui, se ci sono poche donne nel podismo, lo dobbiamo (secondo me) in gran parte a dei pregiudizi.Li elenco in ordine sparso:

il compagno non gradisce l'idea che la propria compagna "stia mezza nuda in mezzo ad un branco di uomini"

la donna si vergogna di stare "mezza nuda in mezzo ad un branco di uomini" perche' ci sono quelli come "puritano" che la giudicano

il podismo e' uno sport grezzo da ruvidi sudati e puzzolenti che sputacchiano, scatarrano, si soffiano il naso, e fanno pipi' "al volo"

la donna puo' non gradire mentre corre, i commenti -piu' o meno edificanti- di chi la circonda

la donna deve assecondare il volere del proprio compagno, a volte "puritano"

la donna, oltre che lavorare, deve accudire casa e figli (e quando si allena?)

la donna deve essere bella, sempre oggetto di desiderio solo per il proprio compagno (la corsa spinta ai massimi livelli, la trasformerebbe in una sorta di anoressica senza seno... meglio il corso di aerobica)

se correre piacesse ad entrambi, in una coppia, e ci sono figli piccoli, indovinate chi, -la domenica- esce a disputare le gare e chi invece se ne sta a casa con i figli...

mettiamoci anche qualche vincolo:
correre col seno non aiuta

la svuotatina pre-gara sull'albero o sul muretto e' molto piu' semplice per un uomo.
altro... (inserire)
Se fossi una donna, proverei a guardare soprattutto agli aspetti positivi della corsa:
quello salutistico
essendoci tanti uomini, ci sono sicuramente quelli piu' lenti di te... in generale, al di la' dei pregiudizi, e' normale che una donna corra meno veloce di un uomo quindi la soddisfazione nel superarne il maggior numero possibile puo' essere oggetto di motivazione

essendoci poche donne, e' piu' facile salire sul podio :-)
altro... (inserire)
Saluti
ThoMas sacrato

Dexter

Postato il
19/01/2013
ora 15:00:19

replica

Scusa Puritano, ma stavolta l'hai sparata un pò grossa......
Io faccio con le mani e coi piedi per portare la mia compagnia con me la domenica e quelle poche volte che io non posso andare la incito ad andare da sola!!!!!!!
Ma tant'è che non è sicuramente nel podismo che si potrebbe creare quella situazione che tu tanto temi.......
Se te la vogliono fare.......te la fanno!
Poi sinceramente se la mia donna e' piacente e gli altri me la guardano sono contento pure io, motivo d'ogoglio......
Poi certo.......non tutti sono così moderni......

Podista Puritano

Postato il
19/01/2013
ora 15:11:23

replica

 Ho semplicemente detto il vero...tant'è che di fiorellini,sopratutto di primo pelo,ce ne siano pochi alle nostre podistiche.

Tempus fugit

Postato il
21/01/2013
ora 00:02:01

replica

Ma facciamole correre col velo queste donne...come fanno in quei bei paesi teocratici (cioè dove i dettami di una certa religione diventano legge vigente)...così i Puritani sono soddisfatti. Thomas complimenti per l'analisi socio-antropologica, certo che su questo forum s'intavolano discussioni mica da poco...

Dexter

Postato il
21/01/2013
ora 18:34:28

replica

SSSSHHHHHHH
Zitto! Zitto!
Che se ti sente Domenico da un topic come questo non ne usciamo vivi!

Sempre di corsa

Postato il
19/07/2013
ora 11:37:29

replica


 Sarebbe corretto, come in tutte le discipline, che venissero fatte gare distinte per uomini e donne. Forse mancherebbe un po' di colore,il risvolto carnevalesco che rende meno grigio il mondo podistico. 

Te

Postato il
22/07/2013
ora 00:15:43

replica

Alla staffetta di Cotignola mercoledì scorso che triste l'ultima parte dedicata ai soli veterani e alle donne... capisco le categorie, ma credo che entrambi avrebbero preferito partecipare tutti assieme con gli amatori i giovani i veloci ecc. anche a costo di arrivare più in basso nella graduatoria generale.  
Letto n. 17352
volte
replica
Replica

nuovo post
Nuovo