Autore
Argomento : Presentazione

Federri

Postato il
12/01/2013
ora 12:01:07

replica

Ciao a tutti,  vorrei per prima cosa ringraziare l'admin Carlo, e complimentarmi con lui per sito e forum. Ho appena iniziato a frequentare le "corsette" domenicali poco impegnative. Mi sono avvicinato recentemente alla corsa, a 49 anni suonati, senza precedenti sportivi di alcun genere. Non sono mai stato pero', per motivi di lavoro, un sedentario. Sono ancora piuttosto indietro come preparazione e risultati, ma le motivazioni non mancano. Faccio un passo alla volta, perche' corro per sentirmi bene, e non per avere dolori. Il mio obbiettivo, al momento,  e' correre i diecimila in meno di un'ora. Ci siamo quasi. Mi alleno da solo, dai 20 ai 30 km a settimana (qualcuno ridera'), senza badare alla velocita'. Abito nel Ravennate, a volte mi sposto con la macchina per andare a correre in posti che mi piacciono. Mi infastidisce correre per strada, sfiorato dalle macchine. Preferisco parchi o argini, al riparo dal traffico. Non conosco nessuno nell'ambiente, e ancora non faccio parte di nessun gruppo sportivo. Per me e' tutto nuovo, e me la godo fino in fondo. Dopo la doccia che segue ogni uscita, le endorfine scorrono veloci, e la sensazione e' bellissima. Credo, con la corsa, di aver trovato il tassello che mancava a questo periodo della mia vita. A presto!  

Carlo (admin)

Postato il
13/01/2013
ora 23:43:45

replica

Ho abbracciato il podismo a 37 anni, per distrarmi dagli impegni di lavoro e scaricare la tensione accumulata. E' stato fantastico vedere come gradualmente quest'ultima diminuiva e cambiava le mie abitudini. Un anno dopo ho smesso di fumare e mi sono iscritto ad una società podistica forlivese della quale faccio ancora parte.
Anche a te consiglio di farlo! Il ravennate è la provincia più ricca di podisti e di manifestazioni podistiche e ci sono tantissime società, tutte validissime.
L'iscrizione ad una società podistica ti consentirà di condividere molte più esperienze, partecipare alle gare sociali, andare alle podistiche assieme ad altri (car sharing), ecc.
Per quanto riguarda i tuoi obiettivi, non avere fretta di "arrivare" e conserva il piacere di correre per divertimento. Vedrai che i risultati non mancheranno in ogni caso.
Buona corsa!


P.S. Grazie per i complimenti al sito e al Forum, un risultato che devo alle tante persone che collaborano spontaneamente inviando volantini, foto, classifiche, opinioni e suggerimenti.

Tempus fugit

Postato il
14/01/2013
ora 13:44:44

replica

Benvenuto nella comunità dei podisti (o runners!)... anch'io ho iniziato relativamente da poco tempo (meno di un anno e mezzo fa), a 44 anni, le tue sensazioni le condivido io come credo in tanti qui!

Federri

Postato il
14/01/2013
ora 18:43:52

replica

.............Grazie per l'incoraggiamento! Se son rose....... Per la cronaca, domenica scorsa, un po' per cambiare panorama, un po' perche' la distanza era giusta, sono stato a Corpolo' (Rn). Naturalmente ho perso la partenza e ho duvuto "inseguire" il gruppo, tanto per complicarmi la vita. Peccato per la nebbia, che gravava anche sulle dolci colline del Riminese, altrimenti il panorama sarebbe stato fantastico. Alcune salite belle toste, tanto che le  ho dovute (sigh) camminare. Poi pero' in discesa si riprende respiro e cuore, e ci si diverte un po' con la velocita'. Bello il percorso, e ottimamente segnalato, con l'indicazione dei km. Ho stampato un 55' sulla distanza dei 9,2, dato per me quanto mai importante. Ho migliorato la mia distanza, che era rimasta agli 8 km di San Pancrazio. Prossima sfida, provare i diecimila e vedere se supero il test del moribondo! Ciao a Tutti!

Dexter

Postato il
17/01/2013
ora 15:51:11

replica

Io ci ho messo 35 minuti e ti garantisco che del Minicalendario sono 8 km dei più tosti con una salita interminabile con una pendenza da capre di monagna e una discesa lunghissima che dopo un pò ti sfasa la falcata.......
Vai tranquillo.......la prossima volta farai sicuramente meglio, questa fra le brevi non competitive è una delle più difficoltose e su quella salita ne ho visti parecchi camminare!

Federri

Postato il
17/01/2013
ora 18:17:31

replica

Complimenti Dexter! Si , ne ho visti anch'io altri camminare. Mi sa che il 27 vado a Villa Verucchio, collinare anche quella. Se dici che Corpolo' e' la piu' faticosa, questa sara' un po' piu' pedalabile, spero.
Invece, i Muri di Bertinoro, com'e'? Tosta? Si tratta della salita che porta a Monte Maggio?Sono particolarmente legato a Bertinoro, e mi piacerebbe provarci anche li'. Vedremo. 

ThoMas sacrato

Postato il
19/01/2013
ora 09:01:01

replica

Ragarfs, 
(ctrs Ferfsss bsf arrfssss)...
123 prfss... 123 PROVA... SA SA... TUMP TUMP... OK, ORA  FUNZIONA.
Scusate, dicevo? Ah si' :

Ragazzi,
(ciao Federri, ben arrivato): 

occhio che segnare il passo in salita puo' essere, talvolta, un'ottima strategia di gara.

Spesso si e' portati a pensare che camminare sia da considerare alla stregua di un'onta insopportabile... (tra i tanti pensieri farlocchi, interferenze partorite dalla mente allucinata di un fulminato in forte debito d'ossigeno -che vuole giocoforza farsi del male- a me e' balenato in mente, assieme ad auto-incitamenti auto-lesionisti quali: "CAMMINARE? MAI!!!", anche qualche titolo di film... tipo: "LA COLLINA DEL DISONORE"...)
Ne ho sentiti tanti (me compreso) dire: "si' si' bla-bla-bla pero'

*IO* L'HO FATTA TUTTA CORRENDO!!!"
Niente di piu' sbagliato.In genere su salite molto ripide, se si considera la propria velocita' al passo veloce o di corsa, si nota che non c'e' poi tanta differenza.

Quindi camminare anziche' correre, in certi casi, puo' significare si' perdere terreno rispetto ad altri, ma in modo controllato.

Per contro, i due gesti atletici, (camminare o correre) presentano una bolletta energetica ben diversa. 

In questi casi non bisogna guardare gli altri ma ascoltare se' stessi.

Il rischio, se si corre sempre e comunque, e' di spendere troppe energie e non averene piu' quando si arriva ad una discesa che, affrontata in forte debito o in buone condizioni, puo' *davvero* fare la differenza!

A chi non e'  capitato di superare podisti che camminavano in salita, pensando: "ale', quest l'e' cott!" (trad. "Ecco, questo e' cotto!).
Qualche volta era vero, ma altre, in discesa, magari ve li siete visti sfrecciare davanti a velocita' improbabili se fossero stati davvero "cotti".
In questi ultimi casi, una loro strategia di gara corretta (e/o la vostra sbagliata), li ha ripagati.
Saluti
ThoMas Sacrato

Federri

Postato il
19/01/2013
ora 11:43:26

replica

Concordo in pieno. Infatti io corro, mediamente, in pianura, 6,30 - 7 al km. E cammino a 10 al km. Quindi la differenza e' modesta. Pero' se devo partecipare ad una podistica camminando, me ne sto a letto. Infatti cerco di scegliere distanze alla mia portata comoda, e magari se ne ho ancora, cerco di fare un po' di arrivo. Non mi butterei mai, per esempio, in una mezza cosi' tanto per vedere quanta ne corricchio e quanta ne cammino. Back in my hole...

Dexter

Postato il
19/01/2013
ora 14:27:04

replica

Giusto quanto asserito da Thomas, considera anche il fatto che ogni podistà a caratteristiche differenti, io personalmente in salita non mi fermo mai, ma non perchè sono autolesionista, ma semplicemente perchè dispongo di una potenza muscolare che altri non anno, tant'è che nelle piane medio lunghe le prendo spesso dai miei compagni "passisti" spilungoni mentre quando li becco su tracciati misti gliele dò di santa ragione. Sono piccolo con le gambe grosse e la salita mi piace troppo!
Per quello che riguarda Villa Verucchio del Minicalendario è forse la più bella....si parte da Villa e si sale per la "lunga" 5km di salita dolce tra le colline arrivati in cima si taglia dentro un boschetto e si fanno 500 di sterrato tra le piante con una pendenza assurda, si fa una piccola scala di pietra nel verde e si sbuca nel centro storico di Verucchio, poi da lì giù a bombazza per la "corta", 3km di discesa per ritornare a Villa, si ritorna a valle e si fa l'ultimo pezzo di un paio di km all'interno del parco Marecchia su una ciclabile. L'anno scorso non si è potuta fare a causa della neve e si è scelto un tristissimo percorso dentro un'area industriale ma quest'anno il percorso originale verrà rispettato, non è durissima e il percorso è molto bello, se non ricordo male dovrebbero essere circa 11 km. Fatto con calma è un bell'allenamento anche per i novizi, (é stata la mia prima podistica e senza vellità agonistiche me la sono proprio goduta), te la consiglio.
Quella di Bertinoro non la conosco.

Federri

Postato il
19/01/2013
ora 17:47:14

replica

Interessante, terro' presente. Poi eventualmente scrivero' 2 righe per riportare le mie impressioni. Si', ecco, io faccio parte degli "spilungoni" con due gambine sottili cosi'...... per cui le salite me le cammino! Non ho certo velleita' agonistiche di nessun genere, quindi me la faro' in maniera molto rilassata, senza paura di restare indietro tra gli ultimi.  Grazie per le informazioni.

Tempus fugit

Postato il
21/01/2013
ora 00:30:00

replica

Bella questa di Villa Verucchio da come la raccontate! Mi attira, e se non fosse che domenica c'è una 14K a pochi km da casa sicuramente ci verrei...Dexter la San Leo- San Marino l'hai già fatta ??

Dexter

Postato il
21/01/2013
ora 17:56:32

replica

La San Leo- San Marino, come la Rimini-Verucchio, la Rimini-San Marino, Il giro del Sasso Simone e Simoncello, ed altre sono tutte corse create dal presidente della Golden di rimini Gionni Schiaratura, che volendo creare un calendario alternativo e non cadere nel banale a ben pensato "a mio avviso" di creare delle corse "alternative".......
Sono tutte corse tra i 21 e i 26km e molte di queste hanno la particolarità di non avere dislivello zero, cioè si parte in un punto e si ritorna lì, ma si parte in punto e si sale sempre quindi corse tutte in salita! E comunque anche quelle con arrivo e partenza nello stesso luogo sono durissime (maratonina di Montescudo).
Poi a completare ci hanno infilato anche un paio di 10000 turbo.
Il calendario Golden é molto bello e caratteristico, con competitive veramente fuori dagli schemi e con percorsi molto belli, ma sinceramente una gara di quelle ti rimane nelle gambe per due settimane ed io che sono uno di quelli che ogni domenica vuole farsi la sua sparatina ho sempre evitato queste "extreme".
Mi limito a partecipare alle 10000.
La San Leo San Marino è appunto una di queste, con un tracciato molto bello ed un lungo arrivo in salita.
Se non hai velleità tempistiche e poi ti prendi i dovuti tempi di recuperò sono gare molto belle, ma occhio perchè queste competizioni sono un po' più lunghette da "digerire".
Ed è sottinteso che non devi avere il minimo problema fisico.

Tempus fugit

Postato il
21/01/2013
ora 22:49:33

replica

Che storia Dexter quella della Golden di Rimini...che poi sarebbe la tua società?!! Veramente interessante questa filosofia di percorsi poco banali e molto impegnativi... Adesso proverò ad informarmi sul sito della società. Tra l'altro in Romagna il riminese è quello che conosco di meno...anche a livello eno-gastronomico...ehm scusate se OT ma quest'aspetto personalmente per me è molto importante, si tratta pur sempre di "doping" nel goliardico senso di sostanze capaci di dare forza prima della gara e/o di reintegrarle dopo. Nel riminese quando vado a mangiare, a parte Casa Zanni a Villa Verucchio (un'istituzione) mi piace andare in collina in posti panoramici come Rinaldi a S.Paolo o Rigoni a S.Giovanni in Galilea... Ora pensando a questi percorsi in salita nel riminese mi è venuta l'acquolina, e viene da pensare ad un bell'abbinamento corsa-ristoro. In queste cose mi sento romagnolo fino al midollo. Scusate la digressione. Viva le colline romagnole.

Dexter

Postato il
22/01/2013
ora 19:40:07

replica

No non sono della Golden.
Per quello che riguarda la magnuga trovi in me un fermo sostenitore del peccato della gola.
Essendo anche organizzatore di mangiate con un'altra mia compagnia, mi piace mangiare bene, in posti caratteristici e spendere poco.
Ne ho scoperti tanti ma su tutti te ne segnalo uno che non ha eguali!!!!
Agriturismo Querce Antiche, localita Pietra dell'Uso di Sogliano
Crostini Misti
Cappelletti in brodo
Tagliatelle al ragu
Ravioli al formaggio di fossa
Grigliata mista
Stinco
Coniglio arrosto(FENOMENALE)
Vitello con radicchio e formaggio di fossa
Vino acqua caffe ammazzacaffe
TUTTO 22euro!!!!!
TUTTO FATTO IN CASA E BUONISSIMO!!!!!!
Il locale è veramente carino, un rustico ristrutturato con annessa una chiesetta di sassi di fiume ancora in uso e visitabile.
Ma ahime 2 problemi
1-Se non ti ci porta qualcuno non ci arriverai mai, neanche il navigatore lo trova!!! Anche se non è in culo ai lupi essendo a 20km da santarcangelo
2-La sera se chiami 4 o 5 giorni prima il posto lo trovi ma per la domenica a pranzo bisogna prenotare 2 mesi prima!!!!!!!
Telefono 0541 940745
VACCI VACCI VACCI!!!!!!
E' una roba fuori di testa!!!!!
Scusate L'OT!

Tempus fugit

Postato il
22/01/2013
ora 23:49:04

replica

Fantastico, grazie Dexter per la preziosa dritta! Pietra dell'uso, tra l'altro conosco il posto, vicino a Montetiffi, dove rimane l'ultimo artigiano in Romagna produttore di teglie per la piadina...Zona bellissima! E se non erro lì nei pressi ci sta pure un altro ristorante, dove si gustano ottime fiorentine. La volta che ci andai presi dall'E45 uscita Monte Gelli se non erro, invece il ritorno lo feci proprio verso Sant'arcangelo. Beh a quest'agriturismo ci andrò...di corsa! E comunque ho dato una bella scorsa al sito del Golden Club di Rimini ed al suo calendario di corse. Gli ecotrail tra luglio ed agosto devono essere veramente stupendi, da farci un pensierino se sarò in forma in quel periodo!

Dexter

Postato il
23/01/2013
ora 16:58:56

replica

Io non ci provo nemmeno.....
Dopo i 30 gradi comincio a stare veramente male a correre e riesco appena a permettermi un paio di allenamenti alla settimana senza strafare.
Preparati bene perchè un nostro top runner che le fa me le racconta e gli costano pure a lui una fatica bestia!
Perchè oltre alla difficoltà dei tracciati la cosa che fà desistere parecchie persone è il caldo.
E quello è l'unica cosa che a me veramente sega le ossa.

Dexter

Postato il
25/01/2013
ora 20:39:44

replica

Ueh Federri!
Ci vediamo domenica a Villa per il "Giro di Verucchio".
Vieni tranquillo e' una 10 e mezzo ma meno "ignorante" di quella di Corpolo'.
Ciaooooooo

Federri

Postato il
26/01/2013
ora 09:57:53

replica

Dexter, domani mi sa che passo......... Domenica scorsa, invece di fare la corsetta locale qui in zona, anche per variare un po' i soliti paesaggi della piatta e nebbiosa campagna cervese, che poi sono gli stessi di casa mia, appena pochi km piu' a nord, mi sono sparato a Coriano, a fare compagnia a quei 4 gatti. C'eri anche tu? Mi sono allegramente aggregato alla compagnia della retroguardia,  un gruppetto di veterani di ambo i sessi, che trasparivano si' mestiere, ma parevano prendersi un po' in giro, ripercorrendo con le chiacchere le tante sgroppate su quelle colline negli anni. Cosi' abbiamo pedalato insieme le prime salitelle, per poi camminare quelle piu' dure, al ritmo di: "una volta qui la correvo in 6 al km!" e giu' risate in apnea. Poi in discesa siamo ritornati a pedalare in allegria, fino all'ultima, sfiancante salita. Io e una gentile signora, "sponsor" mi sembra della Mizuno, abbiamo staccato gli altri e, finita la salita,  ci siamo avventurati in un "arrivo" all'ultimo sangue. Forse all'ultimo respiro, per meglio dire. A seguire stretta di mano e complimenti reciproci.  All'incrocio precedente l'arrivo, il volontario munito di bandiera rossa ci aveva chiesto se eravamo gli ultimi...... Scherzerai, ce ne sono altri 3 o 4 dietro !!!   Comunque ho chiuso in 46', il the' era freddo e i biscotti cosi' cosi'. La prossima cercheremo di fare meglio. Per la cronaca, il breve scarico del lunedi' ha eliminato ogni indolenzimento, ma e' rimasto un risentimento ad un piede, tipo leggero crampo persistente, da sotto. Piuttosto fastidioso. Per cui riposo assoluto fino a settimana prossima. Vedremo! Buon giro del Verucchio!

Dexter

Postato il
27/01/2013
ora 16:51:06

replica

Certo che c'ero anche io a Coriano, chiusa in 29.30 e stamattina il giro di verucchio era più lungo di come lo ricordavo.....
12600 metri con un passaggio nella macchia sotto verucchio molto bello e caratteristico e a valle gli ultimi km su una ciclabile nel verde del parco marecchia. Veramente un gran bel percorso!
Il piede......mmhhh......
possono essere le scarpe......
Letto n. 20425
volte
replica
Replica

nuovo post
Nuovo