Autore
Argomento : Giro dei Gessi, Cesena 3.11.13

Tempus fugit

Postato il
04/11/2013
ora 00:10:52

replica

Partecipo per la prima volta anche a questa classica delle corse collinari romagnole con grande curiosità…e un po’ raffreddato. A differenza della Tre monti non ho raccolto informazioni sul percorso, ed in effetti attendendomi esclusivamente un percorso per metà in salita e poi tutto in discesa avrò qualche sorpresa… Poi da qualche giorno non sono propriamente in salute, ma la sola idea di partecipare a questa gara mi fa star meglio! E in effetti stamattina mi sveglio gasato e ringalluzzito, non vedo l'ora di raggiungere l’Ippodromo del Savio! Ovviamente presentissime tutte le società cesenati, le forlivesi e le riminesi, del ravennate spiccano soprattutto gli arancioni della Lamone, poi qualcuno della Lughesina e della Mameli (pardon per dimenticanze ed omissioni). Vedo Cacaci, e il padrone di casa Benini, se non ci sono i marocchini tipo il vincitutto Benhamdane degli ultimi tempi la gara sarà credo cosa loro, poi ecco apparire anche il granitico Serasini. Prima di cominciare incontro alcune conoscenze. Ivan dell’Ozzanese dice di non essere in forma ma proprio non riesce a staccare la spina per curare un acciacco…venerdì ha pure corso la Serra a Castelbolognese. Si lamenta ma proprio non riesce a fare una pausa! Anche Lia della Caveja di Madonna dell’albero pur con problemi alla caviglia è sempre ed ovunque presente, non sono ancora iniziati i Gessi cesenati che mi pubblicizza entusiasta il trail di altri “gessi”, quelli del Carnè faentino. Dopo la partenza poco fuori dall’Ippodromo si fa un chilometrino di corsa piana lungo il Savio prima di cominciare a salire in quota. Il cesenate è un’altra bellissima zona della Romagna, dalle trattorie sparse sulle colline a tavola si gode di uno stupendo panorama, con il mare annesso… Solo negli ultimi tempi girando per il cesenate ho cominciato a riconsiderare le strade collinari con l’occhio del podista. Va bene, le prime salite sono una benefica tortura per le gambe, c’è chi procede come un carro armato, io scatarrando un po’ mi limito a recuperare nei tratti in discesa, ce n’è uno bellissimo che passa attraverso un casolare (vien quasi da chiedere il permesso di passaggio ai proprietari). La salita vera comincia dopo il km 5.  Dopo il “gran premio della montagna” chiedo ad un concorrente a cui sono appaiato come si sviluppi il percorso. Si susseguono le disceselle dove mi impegno come al solito. Con un “easy runner” di Mercato Saraceno c’è un piccolo bisticcio, alla fine agitando il braccio questi mi dice di andare pure che la strada è sgombra. Comincia una salita e lo lascio andare senza problemi, lo riprenderò più avanti nel centro di Cesena. Ecco poi sul km 10 il “muro” dell’Abbazia del Monte. Su un muretto presso quest'ultimo ristoro è appostato un prete che saluta bonario i concorrenti che gli rivolgono attenzione. Da qui comincia una bella discesa che credo anzi spero possa continuare fino al termine…quindi mi lancio come al solito. Dopo neanche un km mi rendo conto che siamo già in Cesena, ciò significa che le discese ahimè terminano qui e mancano ancora almeno quattro chilometri al traguardo… Si deve correre e basta! E a questo punto sorprendendomi riesco a mantenere un buon ritmo tanto più che non mi faccio superare da nessuno ed anzi riprendo molti concorrenti stanchi o più lenti tra il centro di Cesena e la zona del lungo Savio. La giornata si è fatta primaverile e la corsa si conclude all’interno dell’Ippodromo. Sto sotto il 200°, ho finito in crescendo e quindi resta un bilancio positivo. Al ristoro consumo biscotti secchi e limone. Poi qualche acino d’uva presso uno stand che pubblicizza bevande sportive. Nel pacco gara prima ricevo un utile scaldacollo, quindi ritiro due pacchi di pasta fresca. Mi pare abbia partecipato parecchia gente, sono contento, anzi orgoglioso come romagnolo di aver partecipato anche a questa classica del nostro podismo. Ora vediamo domenica di fare una bella 30 km sotto casa! Tempus fugit.

Dexter

Postato il
06/11/2013
ora 21:19:10

replica

E bravo tempus....stoico nonostante gli acciacchi!
Potevi anche salutare pero !
Io non mi lamento ho chiuso in 1.09 togliendo un minuto rispetto al 2012.
Si poteva fare meglio ma ero rimasto un po' imballato da una garetta collinare fatta a bomba venerdi mattina nel riminese.
Peccati di presunzione....vabbeh.....imparo per la prossima volta!
Vieni tra 10gg ai Becchi a Santarcangelo....è su circuito, quindi non bellissimo come percorso, ma ai la possibilita di fare il personale sulla 10000!
E voglio vedere se stavolta inzecchi chi sono

Tempus fugit

Postato il
07/11/2013
ora 22:43:01

replica

Dexter cut vegna un azident! Potevi salutarmi tu visto che mi hai riconosciuto... chissà, magari sapendo che eri davanti mi sarei dato una mossa per cercare di riprenderti ...e alla fine avremmo brindato con un bicchiere di tè o di integratori...Comunque bravo! Io sulle colline devo ancora studiare parecchio. Chissà che non venga a  fare un salto a Santarcangelo! A rincorrerci da qualche parte in Romagna, prima o poi

Dexter

Postato il
11/11/2013
ora 18:34:04

replica

Veramente o detto che c'eri solo perche lo hai detto tu....
non ho la piu pallida idea della tua identita'

Tempus fugit

Postato il
13/11/2013
ora 23:04:15

replica

OK non avevo capito allora! Un giorno o l'altro ci vedremo---ma domenica resterò ad allenarmi sugli argini del fiume Montone, sempre che cessi il pericolo piena dei giorni scorsi...ciao
Letto n. 1790
volte
replica
Replica

nuovo post
Nuovo