Autore
Argomento : La mia prima Maratona !!

Nicola

Postato il
24/04/2013
ora 11:57:42

replica

Eccomi qua ragazzi e ragazze a raccontarvi la mia splendida avventura in quel di Padova.
Forse vi sembrerò esagerato, ma sinceramente non mi sembra ancora vero di essere riuscito a fare ciò che ho fatto…è una sensazione stupenda !
Sono arrivato a Padova sabato pomeriggio insieme a mia moglie Claudia, piove e tanto; giretto per la città, ritiro del pettorale e pacco gara veramente variegato e sostanzioso: maglietta nike, bagnoschiuma, spaghetti, deodorante, crema mani, vari succhi di frutta, un agenda, varie creme, gommose, fette biscottate, croccantini, calzascarpe…
Comincio ad immaginare come possa essere la gara del giorno dopo…la situazione meteo non mi disgusta affatto, anzi; amo correre con pioggia e fresco, l’importante penso, è che non tiri troppo vento.
Pizzetta serale e via in camera a riposare.
Mi sveglio alle 5 e 15 per fare una fugace colazione composta da panino con miele e marmellata e torno a letto fino alle 6.15 ma non dormirò più..
Mi vesto, e alle 6.45 vado a piedi alla vicina stazione dove c’è la navetta che ci porterà a Campodarsego luogo della partenza (12 km da Padova).
Entro in questa specie di forum dove sono assiepati tutti i runner che si stanno preparando alla partenza al riparo dall’acqua che viene giù forte; anche la temperatura è freschina ma nonostante tutto decido di partire in maglietta e via…scelta azzeccata.
Consegno la sacca che ritroverò a Padova, mancano dieci minuti alla partenza delle 8.45 e mi sistemo in griglia….minuto di silenzio pro Boston…inno di Mameli….è ora…si parte !
Decido immediatamente di non rischiare e accodarmi ai pacers delle 4 ore e 15 minuti; oggi la priorità è finire, se possibile senza fermarmi e arrivare col sorriso ! Dopo la debacle di Barcellona...questo è un obbligo !
I pacers sono tre ragazzi, un fiorentino e due che dall’accento mi sembrano veneti. Siamo un bel gruppo dietro a loro, almeno una 30, e i km scorrono veloci sotto l’acqua (anche battente); bevo costantemente ad ogni ristoro acqua, thè (fino al 15 km), poi aggiungo anche integratori salini e pezzetto di banana dal 20km.
Arriviamo cosi alla mezza maratona anche in anticipo, tempo 2 h 6 m e 30 s.
Da lì a poco comincio a vedere qualcuno dei compagni di avventura in leggera crisi, reagiscono ma poco prima del 30 km qualcuno comincia a staccarsi.
Verso il 32 km comincio a fare calcoli dei km e del tempo che manca alla fine; la fatica ora comincia a farsi sentire e vedo che i pacers hanno preso qualche decina di metro di vantaggio….comincio a pensare a tutto e di più….in lieve ma costante progressione mi riaggancio, non voglio mollare !
35, 36…il cartello Padova mi rianima, la crisi peggiore sembra passata….i ragazzi pacers sono fantastici !
Si vede proprio che ci tengono a farci arrivare in fondo con loro…del gruppo iniziale siamo rimasti in 3…nel frattempo ne abbiamo “raccolti” altri che partiti troppo forte sono andati poi in crisi nera….ci incitano, danno consigli, ti fanno rimanere lucido….sono grandi !
Al 37 km da un palchetto improvvisato sento a volume massimo Sweet Child of Mine dei mitici Guns and Roses…mi danno una carica enorme…
-4…non mollo continuo a correre..tengo duro sento che ormai ci siamo…il pensiero di arrivare in Prato della Valle insieme a loro mi fa stare lì...attaccato al mio sogno… mi ripeto “mente lucida mente lucida..le gambe ti seguiranno…”…questo mi aveva consigliato il ragazzo fiorentino verso il 21 km….e cosi faccio…
Al 39 km un cavalcavia….non finisce più….scollino e la discesa non sembra discesa !!
Al 40 km ormai siamo alle porte del centro storico di Padova…i pacers ci consigliano di non fermarci altrimenti sarebbe dura ripartire…e cosi faccio, prendo una bottiglia al volo e me la rovescio in testa…! Gioia pura…
-1…sento che ormai è fatta…stacco i pacers che ci incitano ad andare avanti e mi lancio (per quel che potevo ancora avere nelle gambe !) verso il traguardo…entro in Prato della Valle…nel frattempo è uscito anche il sole..vedo la gente il traguardo e non mi sembra ancora vero….cerco con lo sguardo mia moglie e la vedo….mi viene quasi da piangere…
Taglio il traguardo…FANTASTICO !
4 ore 13 minuti e 50 secondi…..
Meglio di cosi non potevo immaginare come primo traguardo nella Maratona.
Devo dire grazie ai pacers che mi hanno aiutato ad arrivare in fondo, sono stati fondamentali nei momenti difficili !
Invito tutti un giorno a provare quello che ho provato io....emozione allo stato puro...che mi porterò dietro per sempre !

Johnni

Postato il
24/04/2013
ora 19:05:15

replica

Bravissimo benvenuto nel  club dei maratoneti.
Dall' entusiasmo che hai messo nel raccontare la tua maratona penso che vorrai correrne presto un' altra. Con qualsiasi crono finisca la maratona l'importante è avere le emozioni che ci hai raccontato. Bravo!!!! 
Io nel mio piccolo ne corro una all'anno con la speranza di rompermi di meno ma vedo che anche a fare le 10 km i dolori non mollano...

Nicola

Postato il
24/04/2013
ora 20:57:51

replica

Grazie Johnni !!

Si, devo ancora "riprendermi" da questa che già sto pensando alla prossima autunnale !
Ci si innamora così in fretta ??! Non credevo !! 
Devo essere sincero...corro costantemente oramai da due anni, ho corso molte mezze e altre distanze piu brevi......ma l'emozione che ho provato nel tagliare il traguardo della Maratona, non l'ho provata con nessun altra gara ! 
Ora faccio un bella settimana di scarico... La voglia non manca anzi...è il fisico che non mi segue in questi giorni post Maratona ! 

Ciao Johnni !

Tempus fugit

Postato il
25/04/2013
ora 00:32:32

replica

Complimenti Nicola! Veramente appassionante e coinvolgente il tuo racconto della prima mitica esperienza..ho trepidato anch'io, al pensiero che prima o poi affronterò anch'io la Grande Corsa...dopo avere saltato il Lamone scaramanticamente non faccio programmi. Ho ripreso a correre con qualche cautela, cosciente di infortuni in agguato (ahimè non sono più un ragazzino anche se mi sento tale!) e di tanto in tanto penso alla gioia che proverò anch'io quando varcherò "quel" traguardo...Spero d'incrociarti prossimamente Nicola, e scrivi più spesso!  

Nicola

Postato il
25/04/2013
ora 10:15:28

replica

Grazie anche a te Tempus !

Vedrai sarà un'emozione fortissima quando la finirai... 
Mesi e mesi di preparazione e perchè no, sacrifici, per vivere quegli ultimi 200 metri, quei momenti che ti ripagano di tutto, con interessi altissimi !! 
Ti faccio il mio più sentito in bocca al lupo per la ripresa...purtroppo ogni tanto la troppa voglia ci mette in buca.. Lo so è capitato anche a me !
Tutta esperienza per la volta successiva....

Ci incontreremo sicuramente presto.....grazie e a presto Tempus !

marcello

Postato il
27/04/2013
ora 00:02:30

replica

replica Nicola del : 25/04/2013 -
messaggio : Grazie anche a te Tempus !

Vedrai sarà un


ciao Nicola,ho letto il tuo racconto e ti giuro ho fatto gli occhi lucidi ,emozionante...io corro da circa 12 anni ,su distanze che variano dai 12 ai 16 km e alqune volte anche 20 km , il mio passo medio và dai 4'50'' ai 5'30'' dipende dalla distanza e dal tipo di percorso.Io esco a correre 3/4 volte a settimana per un totala di 35/45 km a settimana.Piacerebbe anche a mè un giorno fare una maratona ma che tipo di preparazione bisogna fare?

Nicola

Postato il
27/04/2013
ora 09:29:29

replica

Ciao Marcello grazie !

Per quanto riguarda la preparazione alla Maratona, posso riportarti la mia esperienza.
Rispetto a te corro regolarmente da soli 2 anni (provengo dal tennis), quindi tu hai già una solida base da cui partire !
Sicuramente il passaggio fondamentale per poterci arrivare, è assimilare e "digerire" bene le mezze maratone; devi farne parecchie e tale distanza (soprattutto a livello mentale), non dev'essere più fonte di "preoccupazione".
Infatti nella Maratona, oltre ovviamente all'allenamento fisico, è la testa che fa la differenza. Devi allenarla come e forse di più che il fisico ad essere impegnata nella corsa per molte ore ! Vedrai, si ribellerà, ma poi riuscirai a portarla dalla tua parte.....
Una volta assimilate con costanza le mezze, ho seguito un programma di 4 mesi circa per preparare la 42,195 km...
Tre settimane di carico ed una di scarico; nelle tre di carico arrivo a percorrere poco più di 60 km settimanali, 3-4 uscite settimanali, in cui facevo corsa lenta, ripetute medio lunghe (da 1km fino a quelle da 4km), e il lungo nel fine settimana; il lunghissimo è l'allenamento piu importante per abituare il tuo fisico e la tua testa alla distanza; ho corso almeno 5 volte distanze sopra i 30 km e a tre settimane dalla fine il lunghissimo finale da 36km...
Importanti da inserire a settimane alterne sono anche i medi ed i progressivi.
E poi la determinazione e la forza di volontà, ti fanno sopperire al resto ! 
E mai demoralizzarti se qualcosa va male ! Pensa che io ho debuttato a Barcellona il 17 marzo ma al 37 km mi sono ritirato per crampi ai quadricipiti che non permettevano più di correre....poi mi sono detto "ti arrendi così?"....la risposta è stata la Maratona di Padova di domenica scorsa......
E credimi, a livello mentale e come esperienza di vita, credo sia stato meglio così....ho raccolto un fallimento, una sconfitta, mi sono "rimboccato le maniche"....e la sconfitta mi ha fatto più forte....ho vinto io !

Never give up !

Ciao a presto ! 




marcello

Postato il
30/04/2013
ora 10:20:58

replica

grazie Nicola,mi metto subito al lavoro
Letto n. 2371
volte
replica
Replica

nuovo post
Nuovo