Autore
Argomento : Camminata Loris Dolciaria 24.11.12

Tempus fugit

Postato il
26/11/2012
ora 00:23:03

replica

Dopo un annetto torno a partecipare a questa corsa che si svolge presso il laboratorio di pasticceria con annesso punto vendita nella zona artigianale di Lugo lungo via del Piratello. So che il premio comune sarà un bel torrone di tipo morbido e vista la zona di svolgimento con partecipanti che vanno e vengono nel negozio pare di prendere parte ad una sagra autunnale. Il clima è piacevole, fa 14° gradi circa ma c'è chi è bardato da inverno con sciarpette al collo. Subito noto l'onnipresente Monteruccioli ed un altro paio dei soliti (di cui purtroppo non conosco ancora il nome). Immagino si stiano preparando al cross di domenica di Pontenuovo. Si parte lenti. Si crea un gruppetto che pare di vecchi amici dove si chiacchiera e scherza. Si apostrofa scherzosamente un giovane in procinto di staccarsi, invitandolo ad accelerare e poi salutare i parenti a casa...In effetti un terzetto aumenta l'andatura, mentre all'interno del gruppo che conta un 17-18 podisti Monteruccioli procede rilassatissimo, chiacchierone e defilato! Immagino si tratti di poco più di una sgambatina per lui ed un paio di suoi compagni di gara...Fatto sta che credo per la prima (ed ultima volta) nella mia "carriera" di podista riesco a tenere a distanza questo "mostro" per circa un 1 km ...but the best is yet to come. La corsa è corta ma nel suo piccolo ha il suo sviluppo e le sue microtappe. Per circa 3 km mi mantengo a ridosso del gruppone di testa correndo con buoni parziali per i miei standard ovviamente, poi il gruppone a poco a poco si sgrana. Ad un certo punto mi volto indietro e vedo il vuoto, non eravamo certo tantissimi in gara, e quelli che rimanevano sono parecchio "attardati". Intorno al km 5 il ristoro. E qui ecco fermarsi Monteruccioli ed un compagno di gara! Mentre sto per sopraggiungere li vedo non solo fermarsi ma anche gustarsi le bevande offerte, con molta calma. Passo oltre sorridendo pensando che di lì a qualche minuto l'atleta si rifarà sotto senza problemi per riguadagnare il tempo perduto. E così è,ma in una maniera inaspettata...Dopo avere sopravanzato un quartetto di corridori, mentre ansimo sento dietro di me un rumore di ruote farsi sempre più vicine: Monteruccioli sta correndo spingendo il figlio sul passeggino!!!E sorpassa veloce piano piano tutti o quasi, con il sorriso sulla bocca..Ah ecco come si fa a vincere le corse, ci si fa trainare !!! Va beh, mi dico, facciamo ben largo ai marziani, e proseguiamo degnamente verso la fine. Purtroppo il podista davanti più prossimo a me si trova ad almeno 200 metri e pur marciando forte non ce la faccio proprio ad inquadrarlo. Poi ecco il "rettilineo" finale e dietro a me sento approssimarsi qualcuno!! Eh no caz, esclamo! Un giovane che avrà la metà dei miei anni mi sta incalzando e mi supera...ci sfidiamo in un tiratissimo scatto verso il traguardo dove io do tutto ed anzi di più e con un ultimo strappo lo batto! Ah che bella sensazione! Manco avessi vinto chissà quale gara...Peccato che nella foga abbia proceduto diritto come un treno...quando si doveva deviare a sinistra, all'interno della Loris Dolciaria! Massì, chissenefrega, l'importante è avere ingaggiato una sfida appassionante dando tutto sè stessi... Al ristoro finale il ragazzo mi da la mano complimentandosi, sono piccole soddisfazioni che per me ... valgono doppio! Danno la carica e la spinta ad allenarsi, a cercare ancora di migliorarsi laddove questo è possibile! Dopo essermi gustato il tè caldo con abbondanti biscotti, ritiro il mio premio, il mitico torrone da 200 grammi e prendo l'auto per tornare. Sulla strada di casa, ripassandomi mentalmente le tappe di questa corsa, il pensiero mi ritorna più volte sull'episodio di Monteruccioli col passeggino e...guarda un pò mi viene da pensare di essere stato preso per il q..lo. Io ed altri che lì per lì avevamo sorriso, nella fatica della corsa. Impressione sbagliata? Pensiero esagerato? Anch'io, mi dico, in fondo sono papà di una bimba della stessa età del bimbo trainato da quell'atleta...ma che c'entra questo? Bah. Tempus fugit. Oppresso da questa riflessione, la sera con tutta la famiglia mi dirigo verso Casa Zanni a Villa Verucchio per fare rifornimento di golosa piadina riminese... necessaria al lungo lungo domenicale. E ci vediamo a Voltana!

ThoMas sacrato

Postato il
27/11/2012
ora 19:37:47

replica

Tempus, e' sempre un piacere leggere i tuoi dettagliati resoconti.
Il numero del passeggino e' capitato anche a me, qualche tempus fa, :-) non ricordo chi fosse il fenomeno di turno.Comunque hai ragione... per noi comuni mortali e' abbastanza umiliante essere superati anche da... un passeggino.
Deduco che il giorno dopo non sei andato al cross di Ponte Nuovo, un'esperienza (quella del cross) che comunque ti consiglio almeno una volta.
Se correre da' un senso di liberta', nei cross (sull'erba) e' come ridiventare bambini.

A proposito di Zanni... fanno ancora la mitica fiorentina alta una spanna?
Dopo il resoconto sul memorial Zani, potresti parlarci anche di Zanni :-)

Saluti

Tempus fugit

Postato il
27/11/2012
ora 23:33:56

replica

Ah ah già!Da Zani a Zanni il passo è veramente corto! Sì, Casa Zanni è ancora rinomata per bistecche e carni provenienti da propri allevamenti di vacche di razza limosina. Ma ti dirò un paio di cose. Proprio perchè sbandiera il fatto di questi pascoli e di carni a "km zero" uno si aspetterebbe di mangiare fiorentine e tagliate eccezionali. Ma questo non è. Finora in Romagna fiorentine migliori ne ho mangiate a Rocca dell'Uso, sopra Sogliano (anche lì pascoli speciali, ma se la tirano di meno). Numero 2. Sabato sera appena arrivato con sommo orrore e dispiacere vedo affisso sulla fronte della mitica Casa l'insegna "Steak house"!A n'è pusebil! Era un anno e mezzo che non venivo ed ecco una terribile profanazione di un tempio della romagnolità! Nella terra di Fellini questa è proprio una bella "patacheda"! Va beh c'è di peggio nella vita, in fondo da Zanni si mangia ancora bene a prezzi accettabili ed il Roccamastino va giù che è un bel piacere...Caro Thomas, il tempo fugge e la tavola resta uno dei pochi sicuri piaceri della vita...oltre a correre per le strade e le carraie della Romagna , ovviamente!

Nicola

Postato il
21/12/2012
ora 15:01:24

replica

Ma visto che si parla di fiorentine, secondo me il top è sul Passo della Colla !!
Provare per credere !
Buon appetito !!!

Letto n. 1413
volte
replica
Replica

nuovo post
Nuovo